Gli insuccessi e i condizionamenti della società in cui viviamo.
Crescita Personale

Le cause principali della mancanza di autostima. Impariamo a riconoscerle.

Postato in dicembre 18, 2017 alle 7:15 am da / No Comments

Il tuo Voto è importante!

Perchè alcune volte abbiamo la mancanza di autostima e viviamo nella sfiducia ?

Quali sono le cause più frequenti della mancanza di Autostima? Principalmente:

Gli insuccessi

Vivere l’esperienza di un insuccesso è un fatto assolutamente normale e, per certi versi inevitabile. Tutto dipende però da “come” lo abbiamo vissuto. Alcuni reagiscono traendone preziosi insegnamenti, altri se ne portano dietro tutte le emozioni negative che un insuccesso comunque comporta.

Questo atteggiamento, fondato sulla paura, il dubbio e la autocommiserazione  getta le basi per il ripetersi dell’esperienza e, a lungo andare intacca inevitabilmente l’autostima

I condizionamenti della società in cui viviamo.

E’ inevitabile che l’indugiare troppo nell’assorbire troppo i messaggi di crisi, sfiducia e pessimismo che arrivano da tutte le parti prima o poi abbia anche sulla nostraautostima un effetto devastante, anche se, al momento non ci toccano personalmente.

Li sentiamo per strada, dai colleghi, dagli amici e soprattutto dai mass media. E’ impossibile esserne del tutto immuni, ma dovremmo comunque cercare di difenderci, prendendo le distanze da persone pessimiste croniche e disfattiste e magari guardando meno mamma tv-:))

– Il nostro passato ( anche la nostra infanzia,)

E’ ovvio, come abbiamo detto prima che le nostre esperienze precedenti possono aver inciso sul nostro attuale livello di autostima.

Un discorso a parte merita invece tutto quello che riguarda il periodo della nostra infanzia, dove le esperienze vissute sono entrate nell’inconscio e determinano i nostri attuali pensieri e soprattutto i comportamenti.

Da bambini veniamo sempre “etichettati” non sempre in modo positivo… se ci hanno ripetuto costantemente frasi del tipo “ sei monello” Sei cattivo”,  “sei stupido”..”non sei capace a…” e chi più ne ha più ne metta è evidente che crescendo faremo nostre queste affermazioni e la nostra autostima ne risentirà in modo importante.

Credi che uno di questi fattori possa avere influito sullo stato attuale di autostima? Cosa bisogna fare prima di tutto per aumentare la propria autostima?
-Innanzitutto devi amare e rispettare te stesso, a prescindere da eventuali insuccessi o delusioni.
Devi assumerti la piena responsabilità del tuo stato attuale e non dare la colpa ad altre persone o situazioni esterne.
-Devi sempre aumentare la voglia di rimetterti in gioco.
Tutto giusto in teoria, forse hai già provato a fare tutto questo..ma senza riuscirci. Perchè?
Perchè cerchiamo di recuperare l’autostima attraverso i risultati
Se trovarsi in uno stato di mancanza di autostima è grave, cercare di recuperarla attraverso i risultati lo è ancora di più!
Proviamo a dare una spiegazione e soprattutto una soluzione.
I nostri comportamenti, in qualsiasi area della nostra vita, tendono a svilupparsi in una sequenza automatica e ripetitiva senza che ce rendiamo conto.
Quando ti trovi in uno stato di bassa autostima ecco cosa avviene quasi sempre.
I tuoi pensieri sono negativi >>> il pensiero determina gli stati d’animo >>>> Gli stati d’animo determinano le azioni >>> Le azioni producono risultati >>> I risultati influiscono sui tuoi pensieri.
E così continua la ruota…finchè non siamo noi a decidere di fermarla e di invertire la direzione
Un bel circolo vizioso vero?
Se hai assimilato bene lo schema, potrai capire facilmente quanto è sconsigliabile cercare di  recuperare l’autostima basandosi sui risultati! 
Il rischio è quello di farla scendere ancora più in basso. ” Anche questa volta è andata male ” è un tipica frase che dice chi commette l’errore di lavorare sull’ effetto ( i risultati) anzichè sulla causa ( I pensieri)
Il livello di autostima parte quindi dalla qualità dei pensieri prima ancora che dai risultati.
Riferendoci alla nostra attività di Network marketing ad esempio, nessuno di noi parte con un risultato già acquisito.
E se i risultati non arrivano immediatamente…quali sono i pensieri che elabori?
 E’ proprio in quel momento che si decide il tuo successo o il fallimento nell’attività!
Sappiate subito che pensare positivo non significa raccontarsi la favola che va sempre tutto bene o che si “deve” stare sempre e solo bene.
Il “pensare positivo” incoraggia ad assumersi la responsabilità di modificare convinzioni e atteggiamenti pessimisti che risultano in un senso di fallimento, apatia e vittimismo.
Con l’aiuto dei metodi del pensiero positivo si può senz’altro imparare ad acquisire maggiore consapevolezza di come si reagisce, nonostante ci siamo abituati a credere che certe reazioni siano più forti di noi e che quindi non possiamo farci niente..

Se ti è piaciuto questo articolo, ti chiediamo solo di condividerlo sui social o lasciare un tuo commento… 😛  🙂  😉 

» La tua opinione è molto importante! Vota questo Post!


Lascia un commento

Copia Protetta da Business Center Point. Per avere l'autorizzazione a copiare o ricevere file dei contenuti di questo Blog, inviare richiesta scritta al webmaster.