Salute e Benessere

Una nuova ricerca mostra una cattiva salute intestinale collegata a un grave COVID-19: i Probiotici possono aiutare i pazienti

Posted On Gennaio 13, 2021 at 8:26 pm by / No Comments

Il tuo Voto è importante!

Una nuova ricerca mostra una cattiva salute intestinale collegata a un grave COVID-19: i Probiotici possono aiutare i pazienti.

  • I casi gravi di COVID-19 spesso includono sintomi gastrointestinali
  • Le malattie croniche associate a COVID-19 grave sono anche associate a microbiota intestinale alterato
  • Un numero crescente di prove suggerisce che una cattiva salute intestinale influisce negativamente sulla prognosi
  • Se gli studi dimostrano empiricamente una connessione tra il microbiota intestinale e la gravità del COVID-19, allora interventi come probiotici o trapianti fecali possono aiutare i pazienti

Le persone infette da COVID-19 sperimentano una vasta gamma di sintomi e gravità, i più comunemente riportati tra cui febbre alta e problemi respiratori. Tuttavia, l’autopsia e altri studi hanno anche rivelato che l’infezione può colpire il fegato, i reni, il cuore, la milza e persino il tratto gastrointestinale. Una consistente frazione di pazienti ricoverati con problemi respiratori presenta anche diarrea, nausea e vomito, suggerendo che quando il virus viene coinvolto nel tratto gastrointestinale aumenta la gravità della malattia.

In una recensione pubblicata questa settimana su? MBio, il microbiologo Heenam Stanley Kim, Ph.D, del Laboratorio per le interazioni umano-microbiche della Korea University, a Seoul, ha esaminato le prove emergenti che suggeriscono che una cattiva salute intestinale influisce negativamente sulla prognosi COVID-19. Sulla base della sua analisi, Kim ha proposto che la disfunzione intestinale – e il suo intestino permeabile associato – possa esacerbare la gravità dell’infezione consentendo al virus di accedere alla superficie del tratto digestivo e degli organi interni. Questi organi sono vulnerabili alle infezioni perché hanno ACE2 diffuso – un bersaglio proteico di SARS-CoV-2 – sulla superficie.

“Sembra esserci una chiara connessione tra il microbioma intestinale alterato e il grave COVID-19″, ha detto Kim.

Microscopio elettronico a virus SARS CoV 2

Il virus che causa COVID-19, chiamato SARS-CoV-2, mostrato qui in un’immagine al microscopio elettronico. Credito: NIAID-RML

Gli studi hanno dimostrato che le persone con condizioni mediche sottostanti tra cui ipertensione, diabete e obesità corrono un rischio più elevato di COVID-19 grave. Il rischio aumenta anche con l’età, con gli anziani più vulnerabili alle complicazioni più gravi e alla probabilità di ospedalizzazione. Ma entrambi questi fattori – età avanzata e condizioni croniche – hanno una ben nota associazione con un microbiota intestinale alterato. Questo squilibrio può influire sull’integrità della barriera intestinale, ha osservato Kim, che può consentire ad agenti patogeni e patogeni un accesso più facile alle cellule nel rivestimento intestinale.

Finora, il legame tra salute intestinale e prognosi COVID-19 non è stato dimostrato empiricamente, ha osservato Kim. Alcuni ricercatori hanno sostenuto, ha detto, che i microbiomi intestinali malsani potrebbero essere una ragione alla base del motivo per cui alcune persone hanno infezioni così gravi.

Quali studi sono stati fatti suggeriscono una relazione complicata. Uno studio su pazienti COVID-19 sintomatici a Singapore, ad esempio, ha rilevato che circa la metà aveva un livello rilevabile di coronavirus nei test fecali, ma solo circa la metà di questi presentava sintomi gastrointestinali. Questo studio suggerisce che anche se SARS-CoV-2 raggiunge il tratto gastrointestinale, potrebbe non causare problemi. Kim ha anche notato che la salute dell’intestino di una persona al momento dell’infezione può essere fondamentale per lo sviluppo dei sintomi.

Molti studi recenti hanno rilevato una ridotta diversità batterica nei campioni intestinali raccolti da pazienti COVID-19, rispetto ai campioni di persone sane. La malattia è stata anche collegata a un esaurimento delle specie batteriche benefiche e all’arricchimento di quelle patogene. Uno squilibrio simile è stato associato all’infezione da influenza A, sebbene i 2 virus differiscano nel modo in cui modificano la composizione microbica complessiva.

Le specie batteriche impoverite associate all’infezione da COVID-19 includono alcune famiglie responsabili della produzione di butirrato, un acido grasso a catena corta , che svolge un ruolo fondamentale nella salute dell’intestino rafforzando la funzione di barriera intestinale.

Kim ha detto di aver iniziato ad analizzare gli studi dopo aver realizzato che i paesi ricchi con una buona infrastruttura medica – inclusi gli Stati Uniti e le nazioni dell’Europa occidentale – erano tra i più colpiti dal virus. La “dieta occidentale” comune in questi paesi è povera di fibre e “una dieta carente di fibre è una delle principali cause di microbiomi intestinali alterati”, ha detto, “e tale disbiosi del microbioma intestinale porta a malattie croniche”.

La patogenesi di COVID-19 non è ancora completamente compresa. Se studi futuri dimostreranno che la salute intestinale influisce sulla prognosi COVID-19, ha affermato Kim, allora medici e ricercatori dovrebbero sfruttare questa connessione per strategie migliori volte a prevenire e gestire la malattia. Mangiare più fibre, ha detto, può ridurre il rischio di una persona di malattie gravi. E il trapianto di microbiota fecale potrebbe essere un trattamento da considerare per i pazienti con i casi peggiori di COVID-19.

Il problema con la salute dell’intestino va oltre il COVID-19, tuttavia, ha detto. Una volta passata la pandemia, il mondo dovrà ancora fare i conti con malattie croniche e altri problemi associati alla cattiva salute dell’intestino.

“Il mondo intero sta soffrendo di questa pandemia COVID-19”, ha detto Kim, “ma quello che le persone non si rendono conto è che la pandemia di microbiomi intestinali danneggiati è molto più grave ora”.

Riferimento: 12 gennaio 2021, mBio .

L’American Society for Microbiology è una delle più grandi società professionali dedicate alle scienze della vita ed è composta da 30.000 scienziati e professionisti della salute. La missione di ASM è promuovere e far progredire le scienze microbiche.

ASM promuove le scienze microbiche attraverso conferenze, pubblicazioni, certificazioni e opportunità educative. Migliora la capacità di laboratorio in tutto il mondo attraverso la formazione e le risorse. Fornisce una rete per scienziati in ambito accademico, industriale e clinico. Inoltre, ASM promuove una comprensione più profonda delle scienze microbiche a un pubblico diversificato.

(Fonte: A cura della 


Spnsor: Enhanced Essential Probiotics (consigliato) è un integratore probiotico completo realizzato con 8 ceppi unici di probiotici per soddisfare tutte le tue esigenze di salute digestiva. Ogni porzione fornisce al tuo corpo oltre 10 miliardi di probiotici che sono protetti dalla tecnologia di rivestimento quadrupla brevettata per aiutarti a raggiungere la massima salute ed equilibrio intestinale.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Copia Protetta da Business Center Point. Per avere l'autorizzazione a copiare o ricevere file dei contenuti di questo Blog, inviare richiesta scritta al webmaster.