Guest Post - Articoli Postati da voi

Chi pensa che il Caffè solubile non funziona? Starbucks pronto ad aprire 300 caffè in Italia.

Postato in febbraio 27, 2017 alle 7:00 am da / No Comments

Il tuo Voto è importante!

Il primo negozio sarà inaugurato a Milano nella seconda metà del prossimo anno. Poi arriverà Roma. Sviluppo in tutta Italia in 5-6 anni.

L’inaugurazione nel 2018 del primo Starbucks in Italia a Milano sarà solo la punta dell’iceberg. Perché Antonio Percassi, presidente dell’omonimo gruppo immobiliare specializzato in negozi, ha spiegato che di insegne verdi, lungo lo Stivale, ne spunteranno a centinaia. “In tutto puntiamo ad aprire 200-300 punti in tutta Italia, pensiamo che nel mercato possa starci”, ha anticipato il partner di Starbucks in Italia.

In piazza Duomo a Milano, oggi, sono spuntate le prime palme del giardino sponsorizzato proprio dalla catena statunitense del Frappuccino. Un’oasi di piante tropicali e banani che anticipa di oltre un anno il taglio del nastro del primo negozio di Starbucks nel Belpaese. Il caffè di Milano, infatti, aprirà i battenti “nella seconda metà del 2018”, ha spiegato Percassi all’agenzia Radiocor. L’indirizzo è ancora da definire. Tra le cinque opzioni al vaglio del management, c’è l’ex Palazzo delle poste di piazza Cordusio, a cinque minuti a piedi dal Duomo.

Dopo una settimana dall’inaugurazione dovrebbero aprire altri 4-5 punti vendita tra Roma e Milano “ha aggiunto Percassi”. L’obiettivo è di aprire in tutta Italia in un arco di tempo di 5-6 anni”. Per un totale di 200-300 negozi della catena fondata da Howard Schultz. L’imprenditore statunitense ha sempre dichiarato di essersi ispirato a un viaggio in Italia, tra Milano e Verona, per migliorare gli affari della sua catena, avviata nel 1971.

Il gruppo Percassi “sarà proprietario e gestori dei locali”, si leggeva nel comunicato che annunciava la partnership con Starbucks. Era il 29 febbraio 2016 e l’apertura del primo caffè a Milano era programmata per l’inizio di quest’anno. Ma, per l’appunto, l’ingresso in Italia è un passo delicato, visto che Starbucks si confronterà con una rete di 121mila bar (stima della Federazione italiana pubblici esercizi). Il taglio del nastro è posticipato di un anno, seconda metà del 2018.

Percassi però punta a uno sbarco in grande stile: non uno, ma sei negozi in pochi giorni e poi una strategia di apertura a raffica. Fino a 300 punti di vendita che si sommeranno ai 23mila di Starbucks in tutto il mondo. Anche l’offerta sarà calibrata al mercato italiano. Il caffè di Milano apparterrà a una selezione di negozi più raffinati, con una rosa di prodotti più ricercata e una formula ispirata ai bar che negli anni Ottanta folgorarono Schultz.

(Fonte wired.it di Luca Zorloni)

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Copia Protetta da Business Center Point. Per avere l'autorizzazione a copiare o ricevere file dei contenuti di questo Blog, inviare richiesta scritta al webmaster.