Diventare un buon venditore vendendo a se stessi.
Articoli Vari

Come diventare un buon venditore nella vita e nel lavoro.

Postato in ottobre 2, 2017 alle 7:00 am da / No Comments

Il tuo Voto è importante!

Come diventare un buon venditore dovrebbe interessare a tuttichiunque di noi, infatti, vende innanzitutto se stesso nell’arena competitiva chiamata “vita”. La vita è fatta di continue sfide e se le vuoi vincere devi necessariamente diventare un buon venditore.

Quando affronti un colloquio di lavoro – anche se la posizione non attiene alla vendita in senso stretto – non vendi forse te stesso, le tue abilità, le tue conoscenze, il tuo talento e la tua motivazione? Se lavori come impiegato o manager, non vendi forse te stesso ogni giorno in azienda al fine di ottenere bonus, premi o fare carriera? Se intendi iniziare un’attività imprenditoriale non devi forse vendere la tua iniziativa? Se cerchi soci per una qualsiasi attività non devi forse vendere la bontà delle tue idee? Se sei un professionista (commercialista, avvocato, consulente del lavoro) o un medico non vendi forse le tue conoscenze specialisticheQualunque mestiere tu faccia fondamentalmente sei un venditore: certo, se svolgi un’attività commerciale (consulente commerciale, venditore porta a porta, telemarketer, negoziante o commesso) hai a che fare con la vendita diretta di beni e servizi, ma in tutti i mestieri si vende qualcosa, che siano beni, servizi o le proprie competenze.

Diventare un buon venditore dovrebbe riguardare pure gli studenti: a scuola o all’università non si vende forse la propria preparazione e la propria capacità di esporre quanto studiato?

Finanche nella vita privata puoi diventare un buon venditore. Pensaci: nelle relazioni interpersonali, quando costruisci e consolidi un rapporto di amicizia o d’amore, vendi te stesso, la tua personalità, la tua disponibilità, la tua generosità, la tua capacità di voler bene e di farti voler bene. Insomma, vendi quello che sei! Ad esempio, durante un corteggiamento, non vendi forse tutte le tue qualità, sforzandoti di metterle in mostra affinché vengano notate ed apprezzate dalla persona che stai corteggiando? Ma anche in situazioni più pratiche vendi in continuazione: convincere i tuoi amici o il tuo partner ad andare a vedere un determinato film o convincere i tuoi figli a fare i compiti, non sono forse dinamiche di vita quotidiana nelle quali sei – più o meno consapevolmente – un venditore?


 Dovunque l’uomo voglia vendersi trova degli acquirenti.

(Jean-Baptiste Henri Lacordaire)


Come diventare un buon venditore.

Abbiamo visto che per aver successo in qualunque ambito della vita bisogna diventare un buon venditore di se stessi e di ciò che si offre. Ecco come:

  • Parla in maniera impeccabile. Sia che tu voglia diventare un buon venditore di te stesso sia che tu intenda vendere – in senso stretto – beni o servizi, devi saperti esprimere bene e in maniera convincente. Già in un altro articolo ti ho spiegato come puoi sviluppare un eloquio brillante; in ogni caso è fondamentale che tu riesca a trasmettere entusiasmo. Quando le parole che pronunciamo sono incendiate dal sacro fuoco dell’entusiasmoi nostri interlocutori ci ascoltano con più attenzione e per loro diventa davvero difficile restare impermeabili alle nostre parole. I discorsi entusiastici sono, infatti, davvero persuasivi! Per diventare entusiasta motivati focalizzandoti sull’obiettivo e sul raggiungimento del successo:immagina la soddisfazione e l’appagamento che proverai una volta “venduto” ciò che intendi vendere. Una bella sensazione forse già comincia a pervaderti… Ecco questo significa essere entusiasti! Oltre alla tecnica della visualizzazione, per essere entusiasta puoi anche “sforzarti” di comportarti entusiasticamente. All’inizio non sarà facile, ma con il tempo l’entusiasmo diventerà un’emozione fissa e il comportamento entusiasta un’abitudine.
  • Inietta passione. Ho visto persone vendere con successo senza aver la benché minima conoscenza delle tecniche di vendita. Queste persone riescono a vendere perché trasmettono passione per quello che propongono. Si tratta di venditori che credono profondamente in se stessi o nei prodotti/servizi che vendono. Quando si esprimono comunicano una sincera passione e questa rappresenta il loro miglior biglietto da visita. Le persone, infatti, sono sempre attratte da coloro che sanno esprimere passione per ciò che fanno. Se vuoi diventare un buon venditore, un venditore sinceramente appassionato, devi focalizzarti su ciò che ti piace. Se ti focalizzi su qualcosa che ami, su qualcosa in cui davvero credi, riesci con naturalezza e disinvoltura a vendere. Un venditore che lascia trapelare che vende controvoglia o che non è sinceramente interessato a ciò che propone è destinato a fallire.
  • Persevera senza lasciarti abbattere dalle sconfitte. Vendere significa anche sentirsi dire di “no” qualche volta. È inevitabile: nessun venditore riesce, infatti, a vendere sempre, esattamente come nessuno vince sempre. Anche i più grandi vincenti qualche volta perdono. Le sconfitte fanno parte della vita; l’importante è riuscire a ridurle e a considerarle semplicemente temporanee. Se vuoi diventare un bravo venditore devi saper affrontare le avversità giacché la vendita è fatta di alti e bassi (in un altro articolo ti ho già suggerito come affrontare le sconfitte volgendole a tuo favore). Se ieri non è andata come volevi, oggi potrebbe andare meglio di ogni tua più rosea aspettativa! Ma devi perseverare e sforzarti di dare qualcosa in più, di fare un miglio in più. Non scoraggiarti e non mollare troppo in fretta: spesso la vendita non si conclude subito, ma ci vuole tempo. Ci possono volere, infatti, più “contatti” prima di riuscire a vendere se stessi o i propri beni o servizi.
  • Sii interessante, carismatico e avvincente. Per diventare un buon venditore, devi anche avere qualcosa di interessante da raccontare. Coloro che sanno coinvolgere sul piano emotivo i propri interlocutori con discorsi avvincenti sono sempre dei grandi venditori. Se riesci a risultare interessante e fuori dal comune, se riesci ad esprimere qualcosa di diverso rispetto alla massa, diventi carismatico e le persone ti prestano ascolto. E quando riesci a catturare l’attenzione e l’ammirazione altrui vendere diventa semplice. Ad esempio, potresti sfoggiare la tua cultura/preparazione, cosicché gli altri ti considerino competente. Anche raccontare aneddoti può risultare alquanto accattivante.
  • Impara ad ascoltare. Quando ti dimostri attento e interessato ai bisogni altrui, le persone cominciano a fidarsi di te. Puoi conoscere ed attuare tutte le tecniche di vendita di questo mondo, ma se ti preoccupi soltanto di vendere ciò che tu offri, non potrai mai diventare un buon venditore. Ascolta gli altri, dimostrati affidabile e disponibile, cerca di capire cosa vogliono, e vendi loro ciò di cui hanno davvero bisogno. Soltanto così riuscirai ad abbattere i muri di diffidenza che sovente le persone innalzano per difendersi dalle insidie della vita.

Diventare un buon venditore vendendo a se stessi.

Infine, per diventare un buon venditore devi soprattutto vendere a te stesso. Come potresti vendere qualcosa agli altri, se prima non hai convinto te stesso? Inoltre, ogni obiettivo di crescita personale che ti prefiggi, affinché possa essere raggiunto, ha bisogno della tua più ferma convinzione di poterlo raggiungere. In fondo, la crescita personale implica proprio la capacità di credere in se stessi. Come puoi affrontare, ad esempio, una dieta senza credere di potercela fare? Vedi, nella vita vendiamo in continuazione qualcosa a noi stessi e agli altri; allora non sottovalutare l’importanza di diventare un buon venditore.

(Tratto dal blog di di Francisco Pacifico)

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Copia Protetta da Business Center Point. Per avere l'autorizzazione a copiare o ricevere file dei contenuti di questo Blog, inviare richiesta scritta al webmaster.